Smartphone

Xiaomi 11T Pro va in throttling nei giochi più complessi

Xiaomi 11T Pro HyperCharge 120W

Il throttling delle prestazioni è un fantasma noto che continua a fluttuare sopra il mercato degli smartphone. In passato, lo abbiamo visto emergere con il Qualcomm Snapdragon 810, il SoC di punta di Qualcomm più controverso di tutti i tempi per via di un surriscaldamento duraturo che necessitava di un enorme throttling delle prestazioni. Negli ultimi tempi, è stato scoperto che un altro gigante della tecnologia, Apple, riduce le prestazioni dei vecchi iPhone ufficialmente per “preservare la batteria”. La società ha spiegato che si trattava di una misura per evitare problemi con l’invecchiamento delle batterie all’interno dei vecchi modelli di iPhone.

Ora, Xiaomi è l’ultimo gigante della tecnologia che si trova a limitare le prestazioni del suo Xiaomi 11T Pro recentemente rilasciato. Secondo la recensione di Anandtech dello Xiaomi 11T Pro e del suo Snapdragon 888, l’azienda limita artificialmente le prestazioni del dispositivo per evitare un’eccessiva generazione di calore. La redazione ha scoperto che l’azienda avrebbe consentito al processore di funzionare a piena velocità con applicazioni anonime. Tuttavia, ridurrebbe la potenza del processore non appena vengono aperte app specifiche. L’elenco delle app include giochi popolari come Genshin Impact.

Il caso è simile a quello di cui sono stati accusati in passato altri produttori di smartphone, tra cui Apple e Samsung. Entrambi hanno spiegato che queste riduzioni della potenza erano necessarie per la sicurezza.

Forzare una performance ridotta non è una novità. Apparentemente, Xiaomi è in grado di riconoscere la quantità di calore generata dalle app e, di conseguenza, ridurre le prestazioni per evitare il surriscaldamento dello smartphone.

C’è da dire che, per quanto ottimi possono essere i sistemi di raffreddamento presenti negli smartphone, hanno comunque una componente passiva senza ventole che non permette di allontanare efficacemente il calore.

Rispondi