Xiaomi

Xiaomi offrirà 3 anni di aggiornamenti ai nuovi top gamma

Xiaomi aggiornamenti

Xiaomi si è fatta un nome grazie all’eccellente rapporto qualità-prezzo dei suoi smartphone. Ma dove c’è luce, c’è ombra e i dispositivi Xiaomi di solito sono tra quelli che vedono il minor numero di aggiornamenti relativamente alle versioni Android. Questo sta per cambiare per i nuovi top di gamma dell’azienda che saranno annunciati il ​​15 settembre.

Xiaomi ha appena condiviso che la serie 11T (non ci sarà più il brand Mi) composta da un modello standard e un modello Pro riceveranno tre generazioni di aggiornamenti Android e quattro anni di patch di sicurezza, facendo un passo avanti e allineandosi al recente impegno di Samsung.

A differenza di Samsung che ha promesso di portare il suo nuovo schema di aggiornamento sui dispositivi già rilasciati al momento dell’annuncio, Xiaomi sta giocando sul sicuro e si impegna con la politica solo per i suoi prossimi modelli in uscita. Almeno la società afferma che “valuta anche la possibilità di portare il sistema Android esteso e i servizi di aggiornamento della sicurezza su più dispositivi Xiaomi”.

In ogni caso, l’annuncio è un primo passo significativo per un’azienda nota per gli aggiornamenti Android lenti e/o inesistenti. È anche una mossa intelligente, poiché l’azienda sta cercando di entrare nel mercato di punta dopo essersi concentrata principalmente su dispositivi entry-level e di fascia media in passato.

Se Xiaomi manterrà l’impegno, fornirebbe anche aggiornamenti software più lunghi rispetto a Google stesso per la sua gamma Pixel, che è limitata a tre anni di supporto software.

Con il miglioramento continuo apportato all’hardware degli smartphone, il ciclo di vita di uno smartphone si sta gradualmente allungando, il che significa che gli utenti non sono tenuti a sostituire i propri smartphone con la stessa frequenza. Per questo motivo, sempre più consumatori attribuiscono grande importanza alla ricezione degli ultimi aggiornamenti del sistema operativo, insieme alle ultime funzionalità“, ha affermato Albert Shan, Head of Product & Technology, Xiaomi International. “Xiaomi si impegna a fornire agli utenti hardware leader del settore e prestazioni durature. In continuazione di questo impegno nei confronti degli utenti, Xiaomi sta estendendo ulteriormente il ciclo di vita degli smartphone Xiaomi garantendo tre generazioni di aggiornamenti del sistema operativo Android. In questo modo, gli utenti possono scegliere di utilizzare i loro dispositivi attuali per un periodo più lungo e usufruire delle funzionalità più recenti. Allo stesso tempo, forniremo anche agli utenti aggiornamenti di sicurezza che garantiscono che i loro dispositivi funzionino in modo sicuro per un periodo di tempo più lungo“.

Nel caso in cui le cose non andassero troppo bene per la nuova politica di aggiornamento di Xiaomi, la società ha anche trovato una via d’uscita grazie a un piccolo disclaimer attaccato al suo annuncio, dicendo che “La disponibilità di aggiornamenti e funzionalità del sistema operativo Android può variare da dispositivo a dispositivo e da mercato a mercato. La disponibilità dell’aggiornamento dipenderà da una varietà di fattori tra cui, ma non solo, la complessità dell’aggiornamento, le normative locali, il mercato e altri fattori.”

Alcuni anni fa, la maggior parte delle persone avrebbe riso anche solo per aver suggerito che qualsiasi produttore Android avrebbe fornito aggiornamenti più lunghi di quelli rilasciati da Google ma sembra che finalmente ci siamo.

1 Comment

  1. I nuovi smartphone avranno. E quelli vecchi avranno gli aggiornamenti quando li avremo venduti. Siate seri

Rispondi