Xiaomi

Lei Jun di Xiaomi pizzicato nelle fabbriche della casa automobilistica SAIC

Xiaomi auto elettrica
Immagine di esempio

Un paio di mesi fa, a marzo di quest’anno, Xiaomi ha annunciato ufficialmente l’inizio della sua attività nel mondo delle auto elettriche intelligenti che sarà guidata dal fondatore e CEO dell’azienda, Lei Jun.

Da allora, il produttore di smartphone è in trattativa con diverse case automobilistiche per una partnership, ma finora nulla si è concretizzato. Lei Jun è andato in giro per la Cina a visitare vari stabilimenti di case automobilistiche e l’ultima azienda aggiunta alla lista è SAIC.

Lei Jun, fondatore, CEO e presidente del Gruppo Xioami ha visitato la sede di SAIC e alcuni utenti hanno condiviso le foto della stessa online. Finora ha visitato BYD, Great Wall, Wuling e alcune altre famose case automobilistiche mentre il gigante tecnologico cinese si sta preparando per entrare a piè pari nel mercato delle auto elettriche.

Per coloro che non lo sapessero, SAIC Motor Corporation Limited è una multinazionale di progettazione e produzione automobilistica con sede a Shanghai.

Lei Jun ha affermato che negli ultimi 75 giorni il management di Xiaomi ha avuto 85 visite nel settore, scambi approfonditi con oltre 200 veterani dell’industria automobilistica, quattro discussioni interne di gestione e due riunioni formali del consiglio. Insomma, le fasi preparatorie sono nel loro punto più alto.

Spiegando l’intenzione di Xiaomi di costruire automobili, Lei Jun ha sottolineato che l’azienda mira a offrire veicoli elettrici intelligenti di alta qualità per consentire agli utenti di tutto il mondo di godersi una vita intelligente onnipresente. Ha inoltre aggiunto che: “Sono disposto a scommettere su tutta la reputazione e i risultati della mia vita sul successo che avrà Xiaomi nelle auto!

Affinché il successo con le auto elettriche arrivi, Xiaomi ha deciso di investire circa 10 miliardi di yuan (circa 1,2 miliardi di euro) in un periodo di 10 anni. È probabile che la prossima smart car dell’azienda sarà un prodotto di consumo e sarà destinata al mercato di massa.

Via

Rispondi