MIUI ROM

Google ed Apple controllano le abitudini degli utenti con le app preinstallate… Ma Xiaomi non fa la stessa cosa?

MIUI 13

Un recente rapporto di Comscore mostra che la maggior parte delle app preinstallate sugli smartphone sono sviluppate da Google (nel caso di Android) o Apple (nel caso di iOS). La società ha classificato la popolarità delle app preinstallate e di altre app di terze parti su iOS e Android, mostrando che la maggior parte delle applicazioni utilizzate dagli utenti sono preinstallate da Apple o Google. Volendo però attenzionare gli smartphone Xiaomi, è vero che Google pre-installa molte applicazioni ma è anche vero che Xiaomi ci mette del suo preinstallando molte app e personalizzando in maniera pesante l’esperienza degli utenti con la MIUI.

Il rapporto afferma che ci sono alcune aree in cui le app di terze parti non possono nemmeno competere con Google e Apple, come ad esempio le gallerie fotografiche e gli orologi, perché queste app vengono fornite con il sistema operativo. Per quanto riguarda Xiaomi, non possiamo non menzionare la presenza del suo browser web (in parallelo a Chrome), del suo servizio cloud e persino di un sistema di aggiornamento personale delle applicazioni pre-installate che esula dal Play Store.

Insomma, nonostante la convivenza con Google e il suo enorme ecosistema di app e servizi, gli utenti che acquistano uno smartphone Xiaomi, Redmi o POCO si ritrovano preinstallate un sacco di applicazioni che limitano senza dubbio la concorrenza (per non parlare dei bloatware preinstallati con i quali Xiaomi abbassa il prezze di vendita).

Voi che cosa ne pensate? L’aggressività che usa Xiaomi nel proporre le proprie app preinstallate e i propri servizi è un bene per l’utente medio che in questo modo si ritrova uno smartphone “pronto all’uso” oppure sarebbe meglio lasciare liberi gli acquirenti su quali applicazioni installare e quali no?

Rispondi