MIUI ROM

Xiaomi Mi 11 Ultra si aggiorna con la Super Power Saver Mode che assicura autonomia per 14 giorni

Xiaomi Mi 11 Ultra si aggiorna con la Super Power Saver Mode

Xiaomi Mi 11 Ultra è senza dubbio lo smartphone più avanzato che l’azienda abbia mai lanciato sul mercato e, di conseguenza, anche il più costoso di tutti (l’unico che in Italia supera la fatica quota dei 1000 euro). Uno dei punti salienti di questo telefono è il display posteriore secondario, usato principalmente per scattare selfie col comparto fotografico principale. Con l’ultimo aggiornamento di sistema però, questo piccolo schermo è diventato ancora più utile.

L’aggiornamento in questione viene rilasciato con il numero di build V12.5.10.0.RKACNXM e, come potete notare, si tratta di una versione dedicata esclusivamente allo Xiaomi Mi 11 Ultra in versione China. Una delle novità che sono state introdotte è una nuova funzionalità chiamata Super Power Saver Mode. Come suggerisce il nome, questa opzione aiuta gli utenti a utilizzare la batteria del telefono in modo efficiente quando non possono caricare il dispositivo.

Come da descrizione ufficiale, la “Super Power Saver Mode” disabilita il display principale del telefono, consentendo l’utilizzo dello stesso solo tramite il piccolo display situato sul retro. Anche su quella schermata, gli utenti potranno solo controllare l’ora, accettare le chiamate o chiamare il contatto di emergenza precedentemente impostato.

Xiaomi afferma che questa modalità può offrire fino a 14 giorni di durata della batteria (immaginiamo che il dato prevede che venga attivata con il 100% di carica residua). Tuttavia, l’azienda menziona che le prestazioni della batteria possono variare a causa di vari fattori. Ad ogni modo, la funzione può essere davvero utile durante gli arresti dell’elettricità causati da disastri.

Purtroppo non è noto quando questa funzionalità sarà resa disponibile sulle varianti internazionali di Xiaomi Mi 11 Ultra, ma la speranza è chel’azienda non limiti questa modalità alla versione cinese dello smartphone.

Via Fonte

Rispondi