Smartphone

La ricarica da 200W mostrata da Xiaomi potrebbe essere stata sviluppata dall’azienda NuVolta

Nuvolta ricarica rapida Xiaomi

La ricerca di una tecnologia di ricarica super veloce per vari dispositivi che vanno dagli smartphone ai laptop è ancora in corso. Recentemente Xiaomi ha presentato la ricarica HyperCharge da 200 W che potrebbe essere implementata sul nuovo Mi MIX 4: tal tecnologia però non sarebbe opera di Xiaomi ma dell’azienda partner NuVolta.

Tuttavia, rapporti recenti mostrano che un’azienda cinese che si occupa di progettazione della ricarica, NuVolta Technologies, ha recentemente lanciato il suo chip di ricarica rapida di seconda generazione, chiamato NU2205, che può erogare una potenza di 100 W, il livello massimo raggiunto fino a ora nel settore.

Il NuVolta NU2205 supporta la ricarica rapida 4:2 a doppia cella per le batterie segmentate, cosa che Xiaomi già utilizza. Pertanto, è possibile avere una capacità di ricarica composita di 200 W (100W per ogni batteria), come mostrato per la tecnologia HyperCharge di Xiaomi sul Mi 11 Pro modificato su cui è stata testata. Apparentemente, il caricabatterie HyperCharge 200W di Xiaomi potrebbe essere stato prodotto da NuVolta, considerando anche che la startup ha utilizzato l’immagine del Mi 11 Pro di Xiaomi, il che sembra dimostrare il rapporto di cooperazione tra le due parti.

È molto probabile che Xiaomi sarà la prima azienda cinese a svelare la tecnologia dual-cell di ricarica rapida guidata da NuVolta. Resta da vedere come riusciranno a superare il problema della USB Type-C che, se non nelle recentissime specifiche approvate nei giorni scorsi, supporta al massimo 100W.

Xiaomi aveva affermato che l’HyperCharge poteva caricare una batteria dallo 0% al 100% in circa 15 minuti. Questa è una performance impressionante, anche se si ritiene che i numeri sbandierati possano essere fuorvianti. Rapporti successivi hanno mostrato che la capacità effettiva della batteria del Mi 11 Pro utilizzato per la dimostrazione era di 4.000 mAh, che è diversa dai 5.000 mAh previsti, e che erano necessari 800 cicli di ricarica per degradare del 20% la capacità della batteria.

A questo punto ne sapremo di più ad agosto, durante la presentazione dello Xiaomi Mi MIX 4 o, se l’esordio della tecnologia dovesse avvenire con la serie Mi 12, nel mese di ottobre.

Via

Rispondi