Xiaomi

Xiaomi entra nel mondo della produzione cinematografica: ecco gli “Xiaomi Studios”

Xiaomi Studios

Qualche giorno fa Xiaomi ha creato un nuovo account su Weibo per un nuovo dipartimento. La nuova unità in questione è il proprio studio cinematografico, che è stato soprannominato Xiaomi Studios.

Come suggerisce il nome, il nuovo studio cinematografico del colosso tecnologico cinese mirerà a esplorare la creazione di contenuti da distribuire su internet. In questo annuncio, la società ha anche condiviso che lancerà anche il suo programma XIAOMI CREATOR sulla piattaforma dei social media. Le prestazioni delle fotocamere degli smartphone sono diventate sempre più avanzate con il passare degli anni e sembra che l’azienda lo stia portando in prima linea per valorizzare quelle dei propri modelli.

In passato Apple ha utilizzato i suoi iPhone per produrre cortometraggi e mostrare la qualità eccezionale raggiunta dalle fotocamere degli smartphone. Ora, sembra che anche Xiaomi stia seguendo questo esempio ma espandendo questa idea. Sebbene le fotocamere per smartphone non siano qualitativamente elevate quanto le cineprese dedicate, offrono comunque agli utenti un’opzione più economica e accessibile per la fotografia e la videografia amatoriale e semi professionale. Molti hanno già utilizzato i loro telefoni per girare film o progetti simili (Xiaomi ha affidato a Gabriele Muccino il compito di realizzare un corto sfruttando lo Xiaomi Mi 11), quindi gli Xiaomi Studios potrebbero mirare a offrire maggiori opportunità a questi creator.

In altre parole, potremmo presto vedere alcuni cortometraggi prodotti da Xiaomi e girati da diversi creator utilizzando i suoi smartphone. I dettagli più fini riguardanti il ​​nuovo studio e il programma Creator sono ancora sconosciuti, ma presto dovrebbero emergere ulteriori notizie.

Purtroppo il fatto che il nuovo profilo social legato agli Xiaomi Studios sia stato creato solo su Weibo suggerisce che, almeno per il momento, non ci sono piani per espanderne la portata anche ai mercati internazionali.

Via

Rispondi