Xiaomi

Xiaomi incrementa gli investimenti nello sviluppo e nella produzione di chip

Xiaomi-Mi-Logo-1024x576

Xiaomi ha aumentato i suoi investimenti in chip tra le crescenti pressioni degli Stati Uniti. Questa è una parte degli sforzi delle aziende della Cina per ridurre la dipendenza dalla tecnologia straniera dopo che gli Stati Uniti hanno preso di mira Huawei Technologies.

Secondo un rapporto NikkeiAsia, il gigante tecnologico cinese ha aumentato notevolmente la sua posta in gioco in almeno 34 aziende cinesi legate ai chip dal 2019 ad oggi. Inoltre, la società ha anche aggiunto partecipazioni in circa 25 altre aziende basate su hardware tecnologico che non erano legate anche ai semiconduttori. Al momento, Xiaomi sta prendendo di mira lo sviluppo di chip, i produttori di apparecchiature per chip, le startup e persino i display avanzati, gli obiettivi della fotocamera, l’automazione e le apparecchiature di precisione.

In particolare, questi investimenti effettuati da Xiaomi sono in linea con la roadmap della Cina per la costruzione di una catena di fornitura di produzione tecnologica più competitiva. In altre parole, riducendo la sua dipendenza dalla tecnologia avanzata straniera e rafforzando la propria industria tecnologica.

L’azienda è attualmente un colosso cinese in rapida crescita, con la sua quota di mercato globale per la vendita degli smartphone che rivaleggia con altri giganti come Apple. Huawei è il bersaglio di varie restrizioni commerciali statunitensi e anche Xiaomi ha dovuto affrontare accuse simili di presunti legami con l’esercito cinese.

Xiaomi-Surge-C1 chip

Il primo passo nello sviluppo e nella produzione di chip per smartphone è avvenuto qualche anno fa con il lancio del SoC Surge S1. Più di recente, a bordo dello Xiaomi Mi 11 Ultra è stato integrato un ISP proprietario chiamato Surge C1 che si occupa dell’elaborazione delle immagini.

Il fondatore di Xiaomi, Lei Jun, ha dichiarato che “Sono passati sette anni da quando Xiaomi ha investito in chip. … [Il C1] è solo un piccolo passo nel progresso del chip di Xiaomi, ma segna una pietra miliare per la nostra capacità di elaborazione delle immagini. La strada per [l’ambizione dei chip di Xiaomi] è lunga e piena di sfide, ma abbiamo la pazienza e la perseveranza per farcela“.

Anche altre società cinesi hanno compiuto sforzi simili per promuovere lo sviluppo di chip dallo scorso anno, quando gli Stati Uniti hanno interrotto l’accesso di Huawei al suo principale fornitore di chip, TSMC. E, cosa molto interessante per noi, anche l’Unione Europea si è posta l’obiettivo di essere meno dipendente da Stati Uniti e Cina nello sviluppo e nella produzione di chip.

Via

Rispondi