Applicazioni

Cos’era Mi Talk, il servizio che Xiaomi sta chiudendo dopo 10 anni

Xiaomi Mi Talk

Dopo 10 anni di onorato servizio, Xiaomi ha deciso di chiudere definitivamente i battenti all’applicazione Mi Talk (da non confondersi con gli appuntamenti settimanali tenuti in collaborazione con Qualcomm in Italia). Ma cos’è e che cosa verrà a mancare per i Mi Fan?

Seppur Xiaomi sia ormai una realtà molto affermata del mercato italiano ed europeo in generale, rimane ancora una grossa linea di demarcazione su che cosa viene offerto da noi e su cosa arriva nel mercato cinese. Questo è valido tanto nell’hardware quanto nel software (tanto e vero che esiste una MIUI China e una MIUI Global).

Addio a Xiaomi Mi Talk

Xiaomi Mi Talk è un sistema di messaggistica istantanea lanciato per la prima volta nel novembre 2010, molto prima che Tencent lanciasse il popolare WeChat. Sebbene il servizio fosse piuttosto popolare un paio di anni fa, raggiungendo 70 milioni di utenti con 7,5 milioni di utenti attivi entro settembre 2014, ha incominciato una china discendente nel corso degli anni. Pertanto, il team di Mi Talk ha annunciato che il servizio verrà interrotto il mese prossimo. Nello specifico, Xiaomi staccerà le spine ai server del servizio alle 12 del 19 febbraio 2021.

Fin dal suo rilascio, Mi Talk è stato profondamente supportato e amato da tutti e il team di Mi Talk è profondamente grato. A causa di cambiamenti aziendali, interromperemo il servizio Mi Talk alle 12:00 del 19 febbraio 2021.

A tal fine, Xiaomi consiglia agli utenti di esportare personalmente la cronologia chat, i dati personali e altre informazioni. I dispositivi in ​​esecuzione su Android v8.8.70 e versioni successive supportano l’esportazione in batch. Il team avvisa inoltre che, dopo che il servizio è stato interrotto, nessuna informazione degli utenti potrà essere esportata (e in teoria ogni cosa dovrebbe venir cancellato).

Chiaramente da noi Xiaomi Mi Talk non è mai arrivato e per questo la notizia ci tocca solo da lontano ma è comunque triste vedere come il mercato dei servizi di messaggistica si stia sempre più consolidando facendo rimanere solo i più popolari come WhatsApp (soprattutto in Europa), iMessage (soprattutto negli USA), WeChat (soprattutto in Cina), Viber e Facebook Messenger.

Via

Rispondi