Smartphone

Xiaomi Mi 10T e Mi 10T Pro: la recensione di DxOMark

Xiaomi Mi 10T e Mi 10T Pro DxOMark

La redazione di DxOMark ha nelle scorse ore pubblicato la sua recensione fotografica dettagliata riguardante sia lo Xiaomi Mi 10T che la versione Mi 10T Pro. Trattandosi dei due smartphone più pubblicizzati dall’azienda negli ultimi mesi, oltre che di quelli utilizzati nelle ultime manifestazioni fotografiche organizzate, ci si aspetta una qualità fotografica di altissimo livello. Per DxOMark invece si tratta di smartphone che hanno un sistema fotografico senza infamia e senza lode.

Xiaomi Mi 10T e Mi 10T Pro, le recensioni di DxOMark

Xiaomi Mi 10T Pro

  • 108MP, F/1,69, SENSORE SAMSUNG HMX DA 1/1,33″, pixel da 0,8um, Super Pixel 4-in-1 da 1,6um, 26mm eq., PDAF, OIS, zoom digitale fino a 30x
  • 13MP grandangolare, FOV 123°, f/2,4, pixel da 1,12um, 13mm eq.
  • 5MP macro (2-10cm), f/2,4, pixel da 1,12um, AF

Lo Xiaomi Mi 10T Pro 5G raggiunge un punteggio complessivo DXOMARK di 118. È un dispositivo molto competente in condizioni esterne e interne, ma si colloca dietro i modelli Mi 10 Pro e Mi 10 Ultra di Xiaomi rispettivamente a 128 e 133.

Le principali differenze che vediamo sul Mi 10T Pro 5G rispetto ai suoi compagni di scuderia Xiaomi sono nella categoria Foto (121) e soprattutto nei punteggi legati allo Zoom (61). Rinunciare a un teleobiettivo dedicato e sostituirlo con una fotocamera macro limita il potenziale di punteggio del Mi 10T Pro 5G nell’analisi dello zoom, sebbene l’aggiunta di un modulo ultra grandangolare aiuta.

Vantando le stesse specifiche hardware della fotocamera principale del Mi 10 Pro, sarebbe giusto presumere una qualità dell’immagine simile nelle foto standard, ma sorprendentemente non è così. Vediamo una regressione significativa per le prestazioni in consistenza e rumore sul Mi 10T Pro 5G rispetto al Mi 10 Pro, il che ha avuto un impatto sul punteggio secondario e sul risultato complessivo.

Per la maggior parte, tuttavia, la fotocamera principale dello Xiaomi Mi 10T Pro 5G è molto affidabile su ambienti all’aperto e al chiuso. Le esposizioni sono accurate, la gamma dinamica è ragionevolmente ampia e la resa dei colori è piacevole. Il dispositivo ha anche funzionato bene nelle analisi della qualità dell’immagine in anteprima, dove fornisce una rappresentazione accurata di esposizione, dettagli e rumore, per dare agli utenti la fiducia su come verrà resa l’immagine finale (ciò è dovuto anche a un buon display).

Ciò detto, potrebbe essere stato migliore nelle prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione, poiché la gamma dinamica è molto limitata, così come avrebbe potuto fare a meno di evidenti artefatti ghosting in alcuni scatti HDR e dettagli ridotti sia negli scatti in condizioni di scarsa illuminazione che ultra grandangolari.

Xiaomi Mi 10T

  • 64MP, f/1,89, sensore Sony IMX682 da 1/1,73″, pixel da 0,8um, Super Pixel 4-in-1 da 1,6um, 26mm eq., PDAF, OIS, zoom digitale fino a 10x
  • 13MP grandangolare, FOV 123°, f/2,4, pixel da 1,12um, 13mm eq.
  • 5MP macro (2-10cm), f/2,4, pixel da 1,12um, AF

Con un punteggio medio DXOMARK di 98, lo Xiaomi Mi 10T 5G si colloca al 2° livello della classifica, diversi posti dietro il Mi 10T Pro 5G e il suo punteggio relativamente buono di 118. Il Mi 10T 5G se la cava meglio rispetto agli altri modelli di fascia media come il Samsung Galaxy A71 5G a tripla fotocamera che, con caratteristiche simili, non va oltre gli 88 punti.

Un punteggio basso Photo di 97 è stato principalmente dovuto a risultati leggermente deludenti per l’esposizione e il colore. Ciò ha influito sul suo punteggio complessivo e ha portato a una classifica generale inferiore al Pixel 4a, nonostante il dispositivo Google offra solo una singola fotocamera, senza ulteriori funzionalità ultra-grandangolare o telescopiche.

Il punteggio globale del Mi 10T 5G è stato influenzato anche dai risultati più deboli nella categoria Zoom, dove ha ottenuto un punteggio di 49. Le foto ultra grandangolari invece sono alla pari con il Mi 10T Pro 5G, ma l’output a risoluzione inferiore del modello standard ha implicazioni per la qualità e il dettaglio dei suoi scatti con zoom teleobiettivo.

Lo stesso vale in linea di massima per i video, dove il Mi 10T 5G non è all’altezza degli standard del suo compagno di scuderia Pro. Nel complesso, tuttavia, la qualità dell’immagine video è da considerarsi più un punto di forza nei confronti dei concorrenti che un demerito. Il punteggio Video di 95 è un piccolo miglioramento rispetto al Samsung A71 5G a 87 e solo pochi punti dietro al Google Pixel 4a a 98.

Rispondi