Xiaomi

Lei Jun chiarisce 3 “luoghi comuni” su Xiaomi

lei-jun-Forum Yabuli 2020

Il fondatore e CEO di Xiaomi, Lei Jun, era tra i partecipanti al meeting annuale del Forum Yabuli 2020 tenutosi il 18 novembre. Come prevedibile, ha parlato dell’azienda cinese e il suo discorso si è concentrato su 3 idee sbagliate comuni su Xiaomi fra gli utenti. Probabilmente ci sono più di tre idee sbagliate che le persone nutrono su Xiaomi, ma Lei Jun ha ristretto la cerchia alle tre che considera le principali.

La prima di cui ha parlato riguarda il pensiero che i prodotti Xiaomi siano tutti i prodotti di fascia bassa. Questo è probabilmente in funzione del fatto che l’azienda sia un marchio cinese e del prezzo medio dei modelli che spesso sono più economici di quelli della concorrenza. Per correggere questa nozione sbagliata, ha affermato che la società ha iniziato a produrre prodotti di fascia alta a partire dalla serie Mi 10. Inoltre, è stata rilasciata anche la Redmi TV da 98 pollici al prezzo di 20.000 yuan ed è anche estremamente popolare.

Redmi Smart TV Max 98

Il secondo misconcetto è che i prodotti Xiaomi siano tutti fabbricati da OEM (aziende terze). Lei Jun ha ammesso di essere rimasto deluso nel sentire questo ripetutamente. Ha chiarito che l’azienda utilizza un modello misto ma che si sta impegnando sempre di più a essere in prima linea con la produzione. Non a caso Xiaomi ha commissionato la più sofisticata linea di produzione intelligente in Cina che è quasi completamente automatizzata. La fabbrica intelligente, che si trova a Yizhuang, distretto di Pechino, può produrre 10 milioni di smartphone di fascia ultra alta ogni anno e ha solo 100 dipendenti, compresi gli ingegneri.

Xiaomi fabbrica automatizzata smartphone

La cosa interessante della fabbrica è che tutte le attrezzature, tranne la macchina di posizionamento, sono sviluppate da Xiaomi o da una società in cui Xiaomi ha investito. Per costruire questa fabbrica, si dice che abbia investito in 110 società di apparecchiature intelligenti nel coprso di tre anni.

Infine, il terzo malinteso è che Xiaomi non abbia una tecnologia propria. Lei Jun non ha risposto direttamente ma ha parlato della crescita dell’attività di Xiaomi negli ultimi 10 anni. Nel 2011, il fatturato di Xiaomi era solo di 500 milioni, e nel 2019 ha raggiunto 205,8 miliardi, classificandosi 422 nella Fortune Global 500.

Xiaomi è nel campo più ferocemente competitivo al mondo. Ci sono Apple, Samsung e Huawei. Ha osservato che per ottenere una tale crescita, non è possibile vivere senza la tecnologia sviluppata in casa. La tecnologia leader nel comparto fotografico sui modelli Mi di punta è un altro esempio che l’amministratore delegato ha usato per soffocare i discorsi sul marchio che non aveva una propria tecnologia.

Lei Jun ha accennato al fatto che Xiaomi ha preso la decisione di costruire la propria tecnologia delle fotocamere quattro anni fa, ovvero nel 2016, quando la divisione smartphone ha istituito un reparto dedicato alla fotografia. Nel maggio 2018, questa divisione è stata ulteriormente ampliata: quando è stato istituita, c’erano solo 122 ingegneri nel reparto mentre oggi il numero di ingegneri nel reparto ha raggiunto 826 membri, con un aumento di quasi il 600%. Questo non include gli oltre 350 ingegneri che forniscono supporto tecnico per fotocamere come l’integrazione di una IA.

Il CEO ha anche parlato della tecnologia di ricarica rapida del marchio, incluso l’adattatore di ricarica GaN. Sebbene sia un prodotto tecnologico minore, la popolarità e la velocità con cui Xiaomi ha iniziato a produrre adattatori GaN economici mostra la sua determinazione nel credere in questa tecnologia.

Via Via

Rispondi