Wearable

Amazfit GTS 2e e Amazfit GTR 2e certificati dalla FCC

Amazfit GTS 2 e Amazfit GTR 2
Amazfit GTS 2 e Amazfit GTR 2

Huami sta dimostrando sempre di più di poter competere ad alti livelli con la concorrenza americana in fatto non solo di qualità ma anche di vendite a livello globale (in futuro l’Europa vedrà solo il brand Zepp, con Amazfit relegato all’Asia). Con il lancio di Amazfit GTS 2 e Amazfit GTR 2 ha alzato ulteriormente l’asticella ma sembra proprio che il colosso cinese non sia ancora sazio per il 2020. La FCC infatti ha certificato due nuovi smartwatch che dovrebbero prendere il nome di Amazfit GTS 2e e Amazfit GTR 2e.

Secondo un rapporto di TizenHelp, i prossimi prodotti dell’azienda sono Amazfit GTS 2e che ha il numero di modello A2021 e Amazfit GTR 2e con il numero di modello A2023. Le immagini allegate ai documenti FCC mostrano che il GTR 2e avrà un display rotondo mentre il GTS 2e verrà spedito con una cassa di forma quadrata. Purtroppo non sono disponibili molti dettagli in merito alle specifiche del nuovo duo di wearable. T

uttavia, non è troppo difficile indovinare alcune di queste specifiche, fra cui la presenza di un certo tipo di resistenza all’acqua, display AMOLED e, naturalmente, la presenza del sensore GPS.

Chissà che questi due modelli non saranno i protagonisti del nuovo evento di presentazione Zepp del 17 novembre.

Vale la pena notare che Huawei ha recentemente rilasciato un dispositivo dal design sportivo soprannominato Watch GT 2e. Apparentemente, Huami sta prendendo in prestito solo la nomenclatura qui. Ma se la versione 2e sta anche per una gamma sportiva, allora vedremo un nuovo concetto di design con nuove funzionalità che non sono disponibili nelle varianti standard.

Ad ogni modo, in attesa di avere maggiori informazioni su Amazfit GTS 2e e Amazfit GTR 2e, vi vogliamo ricordare che Huami continuerà a realizzare wearable per Xiaomi almeno per altri 3 anni, grazie a un’estensione della partnership fra le due aziende cinesi. Per chi non lo sapesse, Huami è l’azienda responsabile della produzione delle Mi Band.

Via

Rispondi