Xiaomi

Robot che assemblano smartphone senza intervento umano nel futuro di Xiaomi

Xiaomi-Smart-Factory-Yizhuang-Beijing-Featured-1024x576

Lo Xiaomi Mi 10 Ultra è forse il primo smartphone al mondo in cui l’assemblaggio viene fatto da robot e senza alcun intervento umano. Per Xiaomi tale smartphone è stato un banco di prova interessante e, presumendo che i risultati siano stati soddisfacenti, sembra che il prossimo passo sia la realizzazione di una smart factory in grado di realizzare fino a 10 milioni di smartphone all’anno in completa autonomia.

Secondo un rapporto di ChinaDaily, il passaggio a una smart factory proprietaria di Xiaomi arriva mentre sta investendo ulteriormente nel mercato di fascia alta e sta “affinando” le sue competenze nella produzione intelligente. Lei Jun, CEO e fondatore dell’azienda, ha dichiarato che il nuovo obiettivo è stato fissato dopo che la prima fabbrica intelligente di Xiaomi ha completato sei mesi di attività a Yizhuang, Pechino.

Quest’ultima si sviluppa su 1.600 metri quadrati, con la struttura che ospita una linea di produzione autonoma in grado di produrre oltre 1 milione di smartphone premium ogni anno.

Sfortunatamente, il dirigente si è astenuto dal divulgare l’ubicazione della nuova fabbrica o maggiori dettagli su come funzionerà e quali smartphone verranno assemblati lì. Secondo Lei Jun, “visto che la Cina che deve affrontare un complicato contesto economico internazionale, la produzione intelligente è la via da seguire per le imprese. Attraverso l’innovazione indipendente, Xiaomi spera di rendere popolari i robot industriali e ridurre i costi di produzione a un decimo del livello attuale “.

Per raggiungere questo obiettivo, l’azienda sta anche investendo pesantemente nella ricerca e nello sviluppo delle sue tecnologie di base e ha persino istituito un fondo di investimento in oltre 70 aziende legate ad apparecchiature intelligenti, semiconduttori e materie prime. Il fondatore ha dichiarato che “abbiamo speso 10 miliardi di yuan (circa $ 1,48 miliardi) in ricerca e sviluppo dall’inizio di quest’anno e lo aumenteremo di una certa percentuale negli anni successivi“. Aggiungendo inoltre che “Xiaomi continuerà ad espandere la propria presenza nei mercati esteri. Abbiamo in programma di ottenere un vantaggio nel mercato europeo nei prossimi tre-cinque anni e in futuro anche negli altri paesi più sviluppati“.

1 Comment

Rispondi