Xiaomi

Per Lei Jun Xiaomi deve focalizzarsi nuovamente sul mercato cinese e usare tecnologia cinese

Lei Jun

Nonostante gli ottimi risultati che Xiaomi sta ottenendo a livello internazionale (per la prima volta il fatturato internazionale ha superato quello del mercato cinese), la tensione sempre più forte fra Huawei, il governo cinese e gli USA stanno un po’ facendo riflettere il CEO, Lei Jun.

Xiaomi si è concentrata così tanto sulla sua attività estera che sta iniziando a perdere terreno in Cina. Per il suo amministratore delegato, senza dubbio il mercato cinese dovrebbe essere il “più importante” per le aziende cinesi in questo momento. Nessuno può dire alla prossima azienda cinese che seguirà le orme di Huawei nella lotto contro gli USA. Se ciò accadrà, il mercato cinese sarà la loro principale speranza di sopravvivenza.

Secondo Lei Jun, fondatore e CEO di Xiaomi, Xiaomi ha una grande responsabilità nel promuovere i dispositivi per il mercato cinese. Tuttavia, afferma anche che la responsabilità più grande dell’azienda è quella di promuovere dispositivi localizzati. Ciò significa che promuoverà il “contenuto locale” in qualsiasi mercato sia presente. Secondo il CEO, l’intera industria degli smartphone sta promuovendo dispositivi localizzati su larga scala. Inoltre, Lei Jun ha anche sottolineato: “Dobbiamo rispettare le politiche e le normative locali dei vari paesi e dobbiamo essere eccellenti residenti aziendali locali“.

Xiaomi ha già dimostrato di essere all’altezza della concorrenza in diversi mercati esterni a quello cinese, India su tutti. Tuttavia, il produttore cinese è ancora scettico. Ha bisogno di guadagnare più terreno in Cina.

Sebbene la dichiarazione di Lei Jun non menzionasse Huawei, la promozione di dispositivi locali da parte di Xiaomi è molto probabilmente il risultato della situazione di Huawei negli ultimi anni. Ci sono centinaia di componenti utilizzati negli smartphone e se la tecnologia di base dipende completamente dalle società straniere, ci si espone a rischi come quelli che sta fronteggiando Huawei.

Insomma, per Lei Jun va bene espandersi a livello internazionale ma c’è bisogno di farlo senza dipendere al 100% da tecnologia straniera.

Via Fonte

Rispondi