Fitness

L’app Zepp svela maggiori dettagli sull’Amazfit Smart Scale

Amazfit Smart Scale

Il cambio di denominazione del brand Amazfit in Zepp non ha portato solo un po’ di stupore fra gli appassionati ma ci ha permesso anche di scoprire qualche dettaglio in più sulle funzioni dell’imminente Amazfit Smart Scale, i cui primi dettagli ve li abbiamo forniti nei giorni scorsi.

Nell’app Zepp e all’interno del menu “Enjoy” sono state trovate tre distinte funzioni che verranno attivate non appena l’Amazfit Smart Scale verrà abbinata via Bluetooth:

  • Pesata di un neonato: a differenza dei bambini più grandi e degli adulti, pesare un neonato non è così semplice a meno che non si disponga di una bilancia pesa neonati. Mentre una bilancia standard richiede che la persona stia in piedi, una bilancia per neonati richiede che il bambino sia disteso sulla schiena. Tuttavia, esiste un modo per pesare un bambino utilizzando una bilancia normale, ovvero sottraendo il proprio peso da quello del peso di chi lo tiene in braccio (peso lordo, peso netto e tara). In questo caso, si ha bisogno di una bilancia molto precisa che possa registrare il peso con due cifre decimali. L’immagine trovata nell’app mostra che le persone saranno in grado di pesare i neonati usando la Amazfit Smart Scale attraverso una funzione che sottrarrà automaticamente il peso dell’utente.
  • Equilibrio su un piede: un’altra caratteristica della bilancia nel menu “Enjoy” è chiamata “Equilibrio su un piede”. Questo è un test comune utilizzato per determinare la salute di un individuo. Tutto quello che si deve fare è stare sulla bilancia su una gamba e con gli occhi chiusi mentre l’altra la si deve piegare a 45°. Più a lungo si riesce a stare in piedi, migliore è l’equilibrio.
  • Modalità ospite: una delle caratteristiche di una bilancia intelligente è la capacità di memorizzare più profili utente. Tuttavia, ci sono momenti in cui un ospite vuole usare la bilancia senza necessariamente creare un profilo apposito. Con Amazfit Smart Scale sarà possibile selezionare un’apposita modalità ospite sull’app in modo che il peso non venga salvato.

Al di là della prima e della terza funzione, non sappiamo fino a che punto la seconda possano tornare utili nel vivere quotidiano. Ad ogni modo, sempre meglio averle che non averle.

Via

Rispondi