Smartphone

Xiaomi Mi 10 Ultra da record su AnTuTu ma conta così tanto nel 2020?

Xiaomi Mi 10 Pro
Xiaomi Mi 10 Pro

Xiaomi Mi 10 Ultra sarà presto la nuova proposta del colosso cinese per la fascia super premium (sfruttando sempre la tattica che abbiamo chiamato “strategia satellite”) e, oltre a concentrarsi sulla qualità fotografica cercando di migliorare quella già ottima dei modelli Mi 10 e Mi 10 Pro, equipaggerà un nuovo SoC che alzerà ulteriormente l’asticella delle performance.

A testimonianza di ciò, un recente risultato di AnTuTu con protagonista proprio lo Xiaomi Mi 10 Ultra ha dimostrato la bontà del nuovo SoC Qualcomm Snapdragon 865+ equipaggiato.

Come potete vedere, con un punteggio di 687.422 punti, lo Xiaomi Mi 10 Ultra batte ogni record precedente di AnTuTu e il leaked suggerisce anche che il prossimo top di gamma POCO avrà un numero modello simile, suggerendo che si tratterà dello stesso smartphone ma rimarchiato. Bisogna però fare alcune considerazioni su questo risultato e anche più in generale sul valore intrinseco dei benchmark.

Innanzi tutto non si tratta di un risultato “ufficiale” nel senso che non sarebbe la prima volta che un test benchmark di uno smartphone non ancora arrivato sul mercato venisse truccato; inoltre, lo Snapdragon 865+ sarà il principale SoC usato negli smartphone da gaming in rampa di lancio in queste settimane (fra cui anche il Black Shark 3S), per cui il “presunto” record del Mi 10 Ultra potrebbe non durare molto.

Volgendo poi l’attenzione ai test benchmark in generale, nonostante consigliamo ormai da diversi anni di prenderli con le pinze e che i risultati non sono sinonimi del reale potenziale di uno smartphone, sono molti coloro che scelgono di acquistare uno smartphone basandosi solo sul punteggio nei vari test, tralasciando aspetti importanti come la qualità costruttiva, l’autonomia, la qualità fotografica e l’assistenza post vendita.

Con ciò non intendiamo dire che lo Xiaomi Mi 10 Ultra non sarà un buono smartphone: vedendone il nome, è lecito attendersi che sia migliore dell’attuale Mi 10 Pro in diversi aspetti. Tuttavia, è anche vero che per il 90 – 95% delle operazioni che quotidianamente si fanno con uno smartphone, non vi è molta differenza fra smartphone da 1000 euro e modelli da 200 – 300 euro.

Voi che cosa ne pensate? Credete che i test benchmark siano un dato utile a giudicare uno smartphone oppure credete che si tratti solo di “chi ce l’ha più alto”?

Fonte

Rispondi