Smartphone

Qualcomm Snapdragon 875: nome in codice e assenza di una versione “G”

Qualcomm Snapdragon 875

Con l’estate che solitamente non ci regala grossi sconvolgimenti in termini di chipset di nuova generazione, sono diverse settimane che volgiamo la nostra attenzione all’autunno e al periodo in cui Qualcomm presenterà il SoC di nuova generazione Snapdragon 875. Di esso sappiamo già che la produzione di massa è iniziata nelle fabbriche di TSMC sfruttando il processo produttivo a 5nm e, grazie a nuove indiscrezioni, abbiamo scoperto che non vi sarà una versione “875G” e che il nome in codice del SoC è “Lahaina“.

Per quanto riguarda l’assenza di una versione “875G” dedicata al gaming, è probabile che Qualcomm abbia alzato gli standard di produzione. Per chi non lo sapesse infatti, la differenza principale fra un SoC tradizionale e una versione “G” nel catalogo di Qualcomm è solamente la resa a livello produttivo: i SoC che hanno una qualità superiore ottengono la dicitura “G” e un clock più elevato.

Qualcomm Snapdragon 875

Il nome in codice usato internamente non è proprio un’informazione che torna utile al consumatore ma, a titolo di cronaca, è stato scelto “Lahaina” in onore di una città che si trova nell’isola di Maui, nelle Hawai (dove Qualcomm è solita tenere il proprio evento annuale di presentazione).

Ricordiamo poi che, secondo i dati disponibili, il SoC Qualcomm Snapdragon 875 utilizzerà una CPU octa core nella configurazione 1 + 3 + 4, dove il principale core sarà il Cortex-X1 (appena presentato da ARM), che fornirà un aumento del 30 percento delle prestazioni di picco rispetto all’attuale Cortex -A77. In termini di connettività, dovrebbe essere presente il nuovo modem Snapdragon X60 5G per garantire velocità di trasferimento dati fino a 7,5 Gbps.

In termini di smartphone che lo equipaggeranno, proprio come successo quest’anno Xiaomi dovrebbe essere fra le prime aziende ad averlo a disposizione con il lancio del Mi 11 nella primavera del 2021 (ricordiamo che il Redmi K40 potrebbe usare invece la nuova generazione di SoC Mediatek), seguito da Samsung con i Galaxy S30.

Via

Rispondi