Mi TV

Le nuove Redmi TV X useranno la tecnologia “MEMC”: ecco perché è un passo indietro in termin di qualità

Redmi TV X MEMC soap opera effect

Lu Weibing, vicepresidente del gruppo Xiaomi e direttore generale del marchio Redmi, ha nelle scorse ore parlato dei problemi delle “TV ordinarie” e della soluzione di Redmi. Secondo lui, la visualizzazione di immagini ad alta velocità su “normali TV” è un grosso problema a causa dell’incapacità di supportare un elevato frame rate. Inevitabilmente, incontrerà problemi di ghosting, sbavature e altri problemi. La soluzione per il dirigente risiede nella nuova serie Redmi TV X che arriverà con la tecnologia di compensazione del movimento MEMC.

MEMC è la “la morte” del cinema

MEMC significa Motion Estimation, Motion Compensation. Questa tecnologia non è in realtà molto nuova e consente di creare artificialmente frame neri aggiuntivi da inserire all’interno dei video per farli apparire più fluidi. Ciò significa che un film che nativamente è stato girato a 24 fps può essere visualizzato a 60 o anche 120 fps. Con questo, viene pubblicizzata un’esperienza visiva fluida e attraente.

Tuttavia, da “semi puristi” del cinema, non possiamo che dissentire con queste affermazioni, dal momento che l’inserimento di frame aggiuntivi al video (tecnica denominata “effetto soap-opera“) va a creare un’esperienza falsa e lontana da ciò che il regista ha avuto in mente durante le riprese. Non a caso tutti gli esperti del settori (non dipendenti di una qualche azienda che produce TV) consigliano, come prima cosa durante la configurazione di una nuova TV, di disabilitare qualsiasi tecnologia di alterazione dell’immagine.

Ad ogni modo, la serie Redmi TV X sarà presentata ufficialmente durante l’evento di lancio del Redmi 10X del 26 maggio. Secondo alcune indiscrezioni, la serie Redmi TV X sarà offerta nei modelli X65, X55 e X50 (il numero dovrebbe rappresentare la diagonale in pollici). Redmi all’evento presenterà anche un nuovo RedmiBook da 16,1 pollici, anch’esso con un particolare orientamento verso la qualità visiva del display.

Via Fonte

1 Comment

  1. m-E-mc quindi:
    movement E-stimation movement compensation

    Sarebbe il caso di correggere l’articolo.
    Buon lavoro

Rispondi