Smartphone

Brevettato quello che potrebbe essere lo Xiaomi Mi MIX Fold

Xiaomi Mi MIX Fold brevetto

La registrazione dei brevetti molto spesso ci danno uno spaccato di quelli che potrebbero essere i piani futuri di un’azienda. Nel caso di Xiaomi, è da diverse settimane che vengono rivelati brevetti legati a smartphone a conchiglia flessibili, smartphone con 7 fotocamere pop-up e smartphone flessibili in generale. A quest’ultimo proposito, vi segnaliamo che è stato appena brevettato quello che in molti credono possa essere un presunto Xiaomi Mi MIX Fold.

Dalle immagini del brevetto, sembra che questo smartphone Xiaomi sfoggerà un display flessibile con un’enorme cerniera sul lato interno per consentire agli utenti di piegare il display in orizzontale, ovvero verso l’esterno. In tal caso, il pannello posteriore si adatterà uno sull’altro in modo simile a quello dell’Huawei Mate X e completamente opposto rispetto ai vari Galaxy Fold e Moto Razr.

Invece però di realizzare uno smartphone in stile Mi MIX Alpha dov’è presente una striscia di scocca che ospita il modulo fotografico, Xiaomi l’ha immaginato con un design a tutto schermo e con la presenza di un doppio foro per ospitare due fotocamere.

Non è chiaro se il modulo della fotocamera anteriore sarà lo stesso di quello posteriore o se si utilizzerà la tecnologia della fotocamera sotto il display.

Con questo presunto Xiaomi Mi MIX Fold dunque l’azienda lo schiererebbe nel “team tablet”, ovvero fra gli smartphone che da smartphone si trasformano in tablet (in maniera opposta a quelli che da smartphone si trasformano in qualcosa di più piccolo e portatile). Tuttavia, l’angolo della curvatura del display non sarà troppo ripido, eliminando si spera il problema della piega visibile.

Dato che si tratta di uno smartphone brevettato da Xiaomi, possiamo aspettarci che sia stato previsto con a bordo la MIUI personalizzata per supportare il design pieghevole.

Trattandosi ancora solo di un brevetto, non possiamo avanzare ipotesi sulle caratteristiche tecniche. Tuttavia, immaginiamo che uno smartphone flessibile del genere sia destinato al mercato premium, motivo per cui è lecito attendersi all’interno sempre il SoC Qualcomm top di gamma. Nel caso venisse lanciato nel 2020 (cosa alquanto improbabile), non ci stupiremmo della presenza del Qualcomm Snapdragon 865, un importante aggiornamento rispetto al Mi MIX Alpha, lanciato alla fine dell’anno scorso con il SoC Snapdragon 855.

Via

Rispondi