Xiaomi Italia

Blocco del traffico a Milano? Xiaomi consiglia l’uso dei Mi Electric Scooter

Xiaomi Mi Electric Scooter Pro

L’inquinamento ambientale nelle principali città d’Italia sta superando sempre più spesso i limiti di sicurezza, costringendo i sindaci a indire un blocco del traffico a diverse categorie di auto. Domani 2 febbraio a Milano si andrà ancora oltre, con il sindaco Sala che ha deciso di fermare completamente il traffico a motore endotermico: in altre parole, niente auto e niente moto. Xiaomi Italia ha subito preso al balzo la cosa rilasciando un comunicato stampa in cui consiglia a tutti di spostarsi per le vie “tranquille” della città sfruttando un suo Mi Electric Scooter.

Come muoversi dunque liberamente in città, rispettando le regole? Oggi più che mai Xiaomi, leader mondiale della tecnologia impegnato ad offrire la migliore innovazione alla portata di tutti, invita a scegliere modalità di trasporto smart che non solo aiutano a ridurre lo smog, ma conferiscono anche una nuova libertà agli spostamenti quotidiani, senza più doversi preoccupare di traffico e stress.

In particolare, Xiaomi Italia consiglia il suo Mi Electric Scooter Pro, monopattino elettrico dotato di tutti i requisiti necessari per poter circolare: una luce anteriore e una posteriore, un campanello e un regolatore di velocità, oltre ad essere approvato col marchio Ce.

Per chi non lo sapesse, con una autonomia di 45 Km, lo Xiaomi Mi Electric Scooter Pro è equipaggiato di display LED integrato multifunzione che permette non solo di visualizzare in tempo reale la velocità corrente, ma permette anche di poter selezionate 3 modalità di viaggio differenti, tra cui la Eco, consentendo quindi un notevole risparmio energetico. Il tutto può anche essere regolato dallo smartphone, grazie all’app che lo trasforma in un vero e proprio quadro strumenti.

Certo, si tratta di un modo di spostarsi che prevede un forte investimento iniziale, visto che su mi.com viene venduto a 499 euro (la versione non Pro viene venduta a 399,99 euro). Non sarebbe invece meglio abituarsi a utilizzare i mezzi pubblici?

Rispondi