Gadget

Con lo Xiaomi Bluetooth Key Finder non perderete più le chiavi o il telecomando

Xiaomi Bluetooth Key Finder

Nonostante durante l’evento di ieri in cui Apple ha presentato i nuovi iPhone, iPad e Apple Watch non è stato tolto il velo sull’Apple Tag, i fan di Xiaomi hanno qualcosa a cui guardare. Il colosso cinese infatti ha lanciato sulla piattaforma di Youpin il nuovo Xiaomi Bluetooth Key Finder.

Lo Xiaomi Bluetooth Key Finder non è altro che un dispositivo che permette di localizzare qualsiasi cosa a cui è agganciato mediante un’applicazione per smartphone.

Non si tratta di una versione dotata di chip GPS e modulo SIM per comunicare anche da remoto ma permette comunque, sfruttando il raggio abbastanza ampio del Bluetooth 4.0 LE, di non perdere mai le chiavi, il telecomando o qualsiasi altro oggetto a cui viene agganciato.

Nel caso perdessimo un oggetto con attaccato lo Xiaomi Bluetooth Key Finder, basterebbe lanciare l’applicazione dedicata e far squillare la potente sirena presente all’interno del dispositivo.

Le istruzioni per l’uso sono abbastanza semplici. Inserire il dispositivo di ricerca direttamente nel portafoglio o a qualsiasi altro oggetto. Quando l’utente esce o si allontana da questi elementi, il telefono riceverà immediatamente un messaggio (la sirena in questo caso non vene fatta scattare), ricordando all’utente di portare le chiavi o qualsiasi cosa sia collegata.

Tra l’altro, lo Xiaomi Bluetooth Key Finder supporta la ricerca reciproca bidirezionale. Seppur è possibile utilizzare lo smartphone per trovare il Bluetooth Key Finder, è anche possibile utilizzare quest’ultimo per ritrovare lo smartphone. È infatti presente un piccolo tasto che permette di avviare la ricerca dello smartphone a cui è connesso.

Non si tratta certo di un dispositivo rivoluzionario, visto che ne esistono a bizzeffe sul mercato. Tuttavia, con un prezzo di circa 12 euro al cambio su Youpin, è sicuramente fra i più economici. Al tutto poi bisogna aggiungere anche la presenza del marchio Xiaomi che ne assicura il funzionamento con un ecosistema software più ampio.

Via

Rispondi