1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Glossario Android

Terminologia del mondo Android/modding con breve descrizione per capire meglio ciò di cui parliamo

Glossario Android - MIUI Italia Forum

A

 

Android

Sistema operativo per dispositivi mobili basato su kernel Linux. Android è un progetto open source sviluppato dalla Open Handset Alliance (OHA). Android Inc. è stata fondata nell’ottobre 2003 da Andy Rubin (co-fondatore di Danger), Rich Miner (co-fondatore di Danger e di Wildfire Communications), Nick Sears (vicepresidente di T-Mobile) e Chris White (principale autore dell’interfaccia grafica di WebTV), per lo sviluppo, nelle parole di Rubin, «... di dispositivi cellulari più consapevoli della posizione e delle preferenze del loro proprietario». Inizialmente la società operò in segreto, rivelando solo di progettare software per dispositivi mobili. Il budget iniziale si esaurì rapidamente, motivo per cui fu fondamentale un finanziamento di 10 000 dollari da parte di Steve Perlman (amico intimo di Rubin) per poter continuare lo sviluppo.
Il 17 agosto 2005 Google ha acquisito l’azienda, poichè la società di Mountain View desiderava entrare nel mercato della telefonia mobile. È in questi anni che il team di Rubin comincia a sviluppare un sistema operativo per dispositivi mobili basato sul kernel Linux. La presentazione ufficiale del "robottino verde" venne dato il 5 novembre 2007 dalla neonata OHA, un’alleanza tra Google e molte importanti aziende del settore. Si dovette però aspettare fino al 23 settembre 2008 per il lancio della versione 1.0 Apple Pie.

 

ADB (Android Debugging Bridge)

Applicazione che tramite riga di comando (prompt dei comandi, DOS), serve per flashare rom, apportare modifiche al sistema, effettuare backup, installare applicazioni (tramite il comando: adb push nomeapp.apk /system/app/), copiare file dal vostro device al pc e quant’altro. ADB è un tool incluso nell’SDK di Android che permette di gestire il proprio telefono semplicemente collegandolo via USB. Per i programmatori ADB è anche usato per eseguire comandi su una macchina Android virtuale. le istruzioni dettagliate.

 

Aggiornamenti WIPE e NO-WIPE

I pratica un aggiornamento NO WIPE è un aggiornamento che lascia intatte tutte le informazioni relative all’utente, quindi le aree /data, /dbdata ecc…, mentre al contrario una installazione WIPE comporta anche un reset del dispositivo.

 

AOSP

Acronimo di Android Open Source Project. Spesso viene usato per indicare che una rom è stata sviluppata partendo dai sorgenti Android di Google e non dal codice del produttore.

 

Apk (abbreviazione di Android Package)

E' il formato file usato per l’installazione dei software Android (possiamo paragonarlo, più o meno, a quello che per Windows è il .exe ). Rinominando l’estensione di questo file in .zip è possibile aprirlo con qualsiasi gestore di file compressi.

 

App o Apps

Abbreviazione del termine applicazione o applicazioni

 

App2sd (A2sd)

Pocedura insita in molte rom coocked, per poter spostare le applicazioni installate, o installare le successive, nella memory card anziché nella memoria del telefono. Per poterla utilizzare si dovrà avere una partizione ext2 o ext3 o ext4 nella memory card. Una porzione dell’applicazione (la dalvik cache) rimane comunque memorizzata nello smartphone per non ridurne la velocità di esecuzione. Questo concetto di App2sd non è da confondere con le varie applicazioni presenti nel market, in quanto quelle del market permettono lo spostamento o la memorizzazione delle sole applicazioni che lo consentono.

 

App drawer

Menù dove si trovano tutti i collegamenti ai programmi installati.

 

B

 

Bootloader

Modalità del telefono (mentre è collegato all’usb con modalità debug usb attiva nel menu’ developers o sviluppatore) tramite la quale si possono ottenere i permessi di root, flashare rom, fare backup, pushare file, rimuovere file ecc… La modalità bootloader varia da terminale a terminale, consultare le relative sezioni dei singoli terminali per sapere come e se è possibile fare andare in bootloader il vostro device.


Brick (brickare,brickato)

Letteralmente (tradotto in italiano) “MATTONE”. Significa rendere il cellulare alla stregua di un mattone, cioè un qualcosa di inutilizzabile se non come fermacarte per la vostra scrivania. Cattive procedure di flash, soprattutto a basso livello, possono portare in questo stato il telefono. Per cercare di proteggere gli utenti da questi fenomeni alcuni produttori chiudono il bootloader.

 

Brand o brandizzato

Telefono commercializzato da un operatore e che potrebbe presentare, oltre a quella del produttore, anche la personalizzazione della relativa compagnia telefonica.

 

Bussola digitale

La bussola digitale è in grado di rilevare in quale direzione sta puntando il dispositivo. Questa informazione può essere utilizzata insieme ad un opportuno software di mappatura per aiutare nella navigazione verso luoghi sconosciuti.

 

BusyBox

BusyBox potenzia l’installazione standard di Android con molti comandi Linux di base. Infatti alcuni programmi potenti, come Titanium backup ed altri, utilizzano busybox per portare a termine delle istruzioni. Praticamente in pochi kb ci sono tanti utile comandi linux.

 

C

 

Cache

Memoria temporanea in cui vengono salvati dati non fondamentali che possono essere eliminati senza compromettere le funzionalità del sistema.

 

Certificato digitale

Codice crittografato rilasciato a due o più parti da un ente autorizzato, e usato per verificare l’identità delle parti suddette mediante lo scambio delle rispettive chiavi pubbliche.

 

ClockWorkMod Recovery, o più brevemente CWM

E' una recovery modificata (creata da ROM Manager) utilizzata nei dispositivi Android, essa consente di installare firmware alternativi, tweaks e permettere cambiamenti, effettuare backup e wipe e formattazioni di partizioni. Può essere installata in vari modi, tra cui la fastboot (flash del file *.img tramite i prompt dei comandi ufficiale di Google), e APX Mod (per la serie Transformer di Asus e prodotty powered by nVidia), o ancora installare un file *.zip con dentro la recovery nuova che verrà installata al successivo riavvio. L’ideatore è Koushik Dutta.CWM Recovery permette di effettuare molte operazioni che sulle recovery di base installate nei dispositivi non sarebbero possibili, le principali sono:
- Riavviare il dispositivo al termine di un’operazione effettuata nella recovery;
- Installare file zip (di tipo update (rinominando il file in update.zip e flasharlo -cioè installarlo- con la recovery tramite il collegamento rapido apposito) (si può anche permettere di installare un file *.zip anche con tipi di firme per la certificazione);
- Formattare le partizioni adibite al salvataggio dati su memoria interna e SD con comando "wipe data/factory reset" che formatta la partizione /data, /cache, /sd-ext, /sdcard/.android_secure (per lo spostamento app su SDCARD se consentito dal sistema);
- Formattare solamente la partizione /cache con comando "wipe cache partition";
- Salvare su memoria interna o esterna le partizioni di sistema (salvataggio o backup del chip eMMC o SSD) oppure ripristinarle, con comando "backup and restore", nella quale è presente "backup", "restore", "advanced restore" (ripristina specificamente alcune partizioni), "backup in internal storage" (solo CWM 6), "restore from inernal storage" (solo CWM 6), "change type backup" (colo CWM 6, cambia tipo da dub standard a img o altri tipi di formati), "create zip backup" (solo CWM 6);
- Montare e smontare partizioni da utilizzare e impedire l’utilizzo in CWM, ci sono tutti i tipi (/system, /data, /sd-ext, /cache, /sdcard, ...) poi la possibilità di formattare le partizioni per un fullwipe, e il mount o la possibilità di condividere la SD su PC tramite CWM (mount sdcard to computer);
- Possibilità di fare un test dei tasti (key test), permettere di ricreare una statistica sulla percentuale di batteria (wipe battery status, rivelatosi un’inutilità), permettere di partizionare la SD (a partire da CWM 4) in SDCARD, SD-EXT, e SWAP (per l’estensione di RAM virtuale, non funzionale). (SD-EXT e SWAP funzionano solamente se sul sistema è presente la libreria sd-ext, e 07swapon in init.d in /system/etc;
Successivamente ci sono altri collegamenti non più spesso presenti come Shutdown.


CyanogenMod o CM

E' una ROM, disponibile per oltre settanta modelli di cellulari e tablet basato sul sistema operativo open source Android. Offre funzionalità ed opzioni non disponibili sui firmware ufficiali, basati su Android, dei produttori di questi dispositivi, incluso un supporto nativo per i temi (conosciuto anche come "T-Mobile Theme Engine"), un codec per il Free Lossless Audio Codec(FLAC), cache compressa (compcache), una estesa lista di APN, un client OpenVPN, un menu di reboot, supporto per Wi-Fi, Bluetooth e tethering USB, miglioramenti allo schedulatore del kernele profili di overclock, pulsanti software (soft-buttons) ed altre migliorie per i tablet, tasti di attivazione nella schermata delle notifiche (come Wi-Fi, Bluetooth, GPS e molti altri), ed altre migliorie di interfaccia. Ma come nasce tale fenomeno? Poco tempo dopo l’introduzione del telefono cellulare HTC Dream (conosciuto come "T-Mobile G1" negli Stati Uniti) nel settembre 2008, fu scoperto un sistema per ottenere un controllo di amministrazione (conosciuto come "accesso root") al sistema Linux sul quale si basa Android. Avere l’accesso root, combinato alla natura open source del sistema operativo Android, hanno permesso al firmware originale del telefono di essere modificato e re-installato sul telefono stesso.
Negli anni successivi, molti firmware modificati furono sviluppati e distribuiti da appassionati di Android. Uno, mantenuto da uno sviluppatore chiamato JesusFreke, presto diventò popolare tra i possessori del Dream. Nell’agosto 2009 JesusFreke smise di lavorare al suo firmware, e suggerì agli utenti di passare ad una versione della sua ROM che era stata ulteriormente migliorata dallo sviluppatore Cyanogen (Steve Kondik) chiamata "CyanogenMod". La popolarità di CyanogenMod crebbe rapidamente, ed una piccola comunità di sviluppatori, conosciuta come CyanogenMod Team (e in maniera informale come "Team Douche"), contribuì al progetto. Nel giro di pochi mesi, il numero di dispositivi e di funzionalità supportate da CyanogenMod crebbe e CyanogenMod diventò in poco tempo una delle distribuzioni di firmware Android più popolari.

 

Cupcake

O Android 1.5 prima release ufficiale del sistema operativo avventa il 13 aprile 2009

 

Crittografia

Procedura di codifica sistematica di un flusso di bit prima della trasmissione, mirata a evitare che il contenuto possa essere decifrato da terzi.

 

Cuoco

Persona che crea rom cucinate, spesso per passione.
Può essere un semplice "assemblatore" che si limita ad aggiungere alle rom pacchetti di mods già pronti o temi, oppure un vero e proprio sviluppatore (dev) in grado di modificare il codice del sistema (es. team Cyanogen).

 

D

 

Dalvik Cache

Cache utilizzata dal sistema per aumentare la velocità di esecuzione dei programmi.

 

Debug USB

Modalità di Android che serve (attivando la funzione sul vostro dispositivo tramite menù/impostazioni/applicazioni/sviluppo/Debug USB) a permettere al sistema di subire modifiche particolari.

 

Deodex / Odex

Alcuni file di sistema android sono formati da due parti, l’apk e l’odex. Per facilitare le operazioni di modifica, durante la creazione di rom cucinate si preferisce eseguire il deodex, ossia incorporare direttamente nel file apk la parte odex.

 

Donut

O Android 1.6 versione del SO che includeva la retrocompatibilità con le vecchie versioni e implementa nuove funzioni e tecnologie come il supporto alle reti CDMA, a diverse risoluzioni di schermo e introduce una ricerca globale interna nel telefono e su internet. I primi cellulari con Android 1.6 di serie approdano sul mercato nell’ Ottobre 2009.

 

E


Eclair

O android 2.1 aggiornamento dell’SO rilasciato il 12 gennaio 2010

 

Emulatore

Lo si trova nell’sdk ed è un software che permette di emulare (simulare) un dispositivo android di solito serve agli sviluppatori (developers) per testare le applicazioni.

 

F

 

Firma digitale

La firma digitale assicura il destinatario sull’identità della persona che ha inviato il file, e sull’assenza di alterazioni non autorizzate apportate dopo la firma suddetta.

 

Firmware

Software completo del telefono, in android spesso contiene rom (il solo sistema operativo) parte radio (il software atto a gestire tutte le comunicazioni) e l’hboot ( la parte relativa alla base e gestione del boot e partizioni del telefono). Il formato dipende dalla Casa Madre che li rilascia e vanno flashati tramite tool o programmi specifici. Ad es. per Xiaomi il Miflash

 

Flash

Termine che indica la procedura di installazione di un firmware o rom cucinata.

 

Froyo

O Android 2.2 versione di SO presentata a maggio 2010 che introduce molte novità: nuovo kernel linux 2.6.32, nuovo e velocissimo compilatore JIT, V8 Engine per il javascript, Tethering Wi-fi Nativo per utilizzare il terminale come Hotspot Wireless, nuove Icone per la Home. Adobe Flash Player 10.1, possibilità di installare le apps sulla memoria SD, feature molto attesa dalla community mondiale. Aggiornamento automatico Over-the-Air delle Applicazioni.

 


G

 

G. E. o spesso scritto GE (Google Experience)

Riferimento aquei telefoni che hanno il Sistema Operativo (vedi ROM per una definizione) completamente sviluppato da Google senza alcun tipo di aggiunta o personalizzazione da parte del produttore che vende il dispositivo (ad esempio la serie di telefoni Nexus sono interamente GE). Questa denominazione comporta spesso il fatto che tali telefoni siano i primi a ricevere gli aggiornamenti delle nuove versioni di Android, perché non essendoci alcun software aggiuntivo (vedi launcher), oltre a quelli sviluppati da Google, il rilascio è molto più celere.
Altra denominazione (ormai in disuso) è quella “With Google”. Sono quei telefoni che nonostante abbiano una certa personalizzazione software da parte del produttore, sono interamente compatibili con i software Google e con i servizi Android.

 

GingerBread

Versione 2.3.X di Android.

 

GPRS

Il GPRS (General Packet Radio Systems – sistemi radio per pacchetti generici) è un servizio dati per i dispositivi mobili. Viene convenzionalmente definita di generazione 2.5, vale a dire una via di mezzo fra la seconda (GSM) e la terza generazione (UMTS). È stato il primo sistema cellulare progettato specificatamente per realizzare un trasferimento dati a commutazione di pacchetto e a media velocità su rete cellulare per agganciarsi alla rete Internet, usando i canaliTDMA della rete GSM.

 

GPS

GPS (Global Positioning System – Sistema di posizionamento globale) è un sistema di navigazione radio basato sui satelliti che permette l’individuazione di una posizione geografica mediante una triangolazione di punti. Il GPS viene usato sui dispositivi mobili per applicazioni software per la navigazione.

 

GSM

Abbreviazione di Global System for Mobile communications (Sistema globale per le comunicazioni mobili), è la piattaforma per la telefonia cellulare più utilizzata al mondo. È lo standard 2G (2ª generazione) di telefonia mobile cellulare e attualmente il più diffuso del mondo: più di 3 miliardi di persone in 200 paesi usano telefoni cellulari GSM attraverso l’omonima rete cellulare.[1][2] In particolare il GSM è uno standard aperto sviluppato dal CEPT e finalizzato dall’ETSI e mantenuto dal consorzio 3GPP (di cui l’ETSI fa parte).
L’origine dell’acronimo GSM deriva dal nome del gruppo francese che ne ha iniziato lo sviluppo (Groupe Spécial Mobile). In seguito si decise di mantenere la stessa sigla, cambiandone però il significato. In origine il gruppo francese fu sponsorizzato dal CEPT. Le specifiche di base del GSM furono definite nel 1987; il 7 settembre di quell’anno venne inoltre ratificato a Copenaghen un accordo multilaterale tra 13 paesi europei per la diffusione del sistema[3]. Nel 1989 l’ETSI assunse il controllo del progetto, e ne pubblicò le specifiche complete in un volume di 6.000 pagine. La prima rete commerciale funzionante è stata la finlandese Radiolinja.

 

H


HoneyComb

Versione 3.X di Android dedicata solo ai Tablet.

 

HSDPA

L’HSDPA (High-Speed Downlink Packet Access) è una tecnologia per dispositivi mobili che consente una velocità di trasferimento dati superiore rispetto alle reti tradizionali. Spesso definite 3.5G per la maggiore velocità di scaricamento.

 

HSPA

L’HSPA (High-Speed Packet Access – accesso ad alta velocità a pacchetti) è una tecnologia per dispositivi mobili che migliora la velocità a cui è possibile inviare e ricevere informazioni sul proprio dispositivo mobile. La tecnologia HSPA è usata nelle reti 3G.

 

HSUPA

L’HSUPA (High-Speed Uplink Packet Access – accesso a pacchetti per il caricamento ad alta velocità) è una tecnologia per dispositivi mobili che offre (insieme alla HSDPA) la possibilità di avere connessioni con velocità di download e upload molto elevate grazie all’ottimizzazione dell’uso dell’ampiezza di banda.

 

HVGA

L’HVGA (Half-size Video Graphics Array) indica una particolare risoluzione del display pari a 480 x 320 pixel.

 

Hboot

La parte relativa alla base e gestione del boot e partizioni del telefono

 

J


Jelly Bean

E' la versione 4.0 annunciata da Google il 27 giugno del 2012

 

K

 

Kernel

E' il cuore del sistema operativo, contiene i file più importanti che stanno alla base di tutto ed è la parte che si occupa di dialogare con l’hardware. Il kernel di android non è altro che una versione modificata del kernel linux.
Esistono anche kernel modificati dagli utenti che ne aumentano le prestazioni e funzionalità (es. SpeedCore, Siyah Kernel, ecc…).
I kernel possono essere installati direttamente sopra un firmware o rom modificata già presente, questo grazie all’architettura modulare di android.


L

 

Launcher

È quel software che si occupa di gestire il desktop (icone, widget, sfondi ecc.) del sistema operativo Android. In sostanza è ciò che appare all’utente appena accesso il telefono, dopo la schermata di sblocco, detta Lock Screen (vedi sotto) se è attivata. Il nome deriva dalla modalità di “lancio” dell app.
La maggior parte dei produttori personalizza, più o meno pesantemente, i propri telefoni (a patto che non siano G.E., vedi sopra), e la modifica del Launcher è di solito la personalizzazione più frequente. Motorola ad esempio sviluppa MotoBlur, la HTC la Sense, la Samsung il TouchWiz, Meitzu la Flyme, ecc.
I Launcher più conosciuti tra quelli non proprietari sono ADW Launcher, Launcher Pro, Helix Lancher.
Il cambio di Launcher rende molto spesso non più disponibili i widget sviluppati per un altro Launcher.

 

Leak o Leaked (trapelato o sfuggito)

si intende per quelle rom o firmware o parti radio che (stranamente o volutamente) sfuggono alla Casa Madre e vengono fatte circolare in rete. Sono semiufficiali, nel senso che sono sviluppate direttamente dall’azienda produttrice, ma non vengono rilasciate ufficialmente (quindi non vanno bene per ripristinare la garanzia di un device).

 

Lock Screen o schermata di sblocco

E' quella schermata che appare all’accensione e/o ogni qualvolta si preme il tasto di accensione/spegnimento del telefono. Serve per non premere accidentalmente dei tasti quando non si usa il telefono. Richiede infatti una combinazione particolari di tocchi o gesti per essere “rimossa”.

 

M

 

Modders

Coloro che creano le mods.

Modding

Termine che si riferisce a tutte quelle operazioni atte a modificare il software originale di un dispositivo, come ad esempio installazione di rom cucinate, applicazione mods, modifiche file di sistema ecc…

 

Mods

Pacchetto o file che apporta modifiche ad alcune parti del sistema, aggiungendo ad esempio alcune funzioni o variandone la grafica.
In genere si installano tramite una recovery meglio se modificata.

 

N

 

Nandroid (lo trovate all’interno della recovery modificata)

Applicazione che crea una immagine dell’intero sistema operativo, tipo norton gost e true image per windows.

 

O


ODEX

Tipo di compressione che serve per liberare spazio nella memoria del telefono e velocizzare il sistema. odex scompatta il file comprime tutto e crea un file .odex eliminando dall’apk il file .dex quindi vi ritrovate dopo con launcher.apk e launcher.odex (così avete risparmiato tantissimo spazio e migliorato
la velocità nella lettura dell’applicazione). Alle rom con odex non può essere modificato il tema.

 

Odin

Tool di aggiornamento Samsung riservato ai centri di assistenza tecnica per eseguire l’aggiornamento dei dispositivi. Non essendo destinato al pubblico, non può considerarsi un metodo di aggiornamento ufficiale.

 

OTA

Over The Air – sistema che permette di ricevere aggiornamenti di applicazioni o di sistema direttamente dalla rete.


P

 

Partizione ext2/ext3/ext4

Partizione sulla Memory card (che solitamente si può creare tramite recovery modificata) che serve ad installare le applicazioni su questo supporto invece di riempire la memoria del telefono. l’ext è un tipo di file system utilizzato in ambiente Linux e viene visto da Android come parte della memoria interna dello smartphone. per partizionare la scheda SD consultare le sezioni e guide relative al proprio device.

 

Pda

Parte di un pacchetto dei firmware Samsung che contiene il codice principale, sistema operativo e kernel compresi.
Porting: procedure di adattamento di un software nato per versioni o piattaforme diverse da quelle di destinazione.

 

Profilo A2DP

Il profilo Advanced Audio Distribution (Distribuzione audio avanzata) è un protocollo che si riferisce a come due dispositivi Bluetooth possono trasmettere e ricevere streaming audio di elevata qualità. L’A2DP consente il trasferimento unidirezionale di uno stream audio in stereofonia con due canali, quali ad esempio la musica da un telefono cellulare ad una cuffia.

 

Pull

Comando usato nel prompt dei comandi (es. adb pull /percorso/allInterno/di/android/nome_file nome_file_destinazione) per copiare sul pc un file o una cartella presente nel sistema Android.

 

Push (pushare, pushato)

Comando usato nel prompt dei comandi (es. adb push nomeapp.apk /system/app/) per installare applicazioni o immettere file nelle cartelle di sistema tramite ADB, quindi installare-immettere, installato-immesso.

 

R

 

Radio o banda o baseband (non la radio FM)

Il software atto a gestire tutte le comunicazioni del dispositivo (telefono, wifi, bluetooth, gps ecc…

 

Recovery

Una specie di mini sistema operativo che serve per recuperare il cell da situazioni critiche (brick, malfunzionamenti ecc….), fare backup con NANDROID, effettuare i wipe, flashare rom coocked e file in formato .zip. Il Recovery viene propriamente chiamato Recovery Mode e si intende la modalità di recupero in cui si possono compiere azioni come, installare aggiornamenti, formattare il telefono, formattare e partizionare la SD e altro. Aggiornando il recovery.img (che si può fare anche senza il root) con uno diverso e modificato potremo avere a disposizioni funzioni avanzate, senza dover fare altri passaggi.

 

RSS

RSS (Really Simple Syndication – corporazione semplice): indica un protocollo Internet utilizzato per distribuire informazioni che vengono aggiornate di frequente, ad esempio un blog in Internet, trasmissioni audio o video o i titoli delle ultime notizie.

 

ROM

Sistema operativo.

 

Rom coocked

ROM cucinate, create da cuochi (coloro che mettono insieme parti di rom applicazioni, modifiche, patch e quant’altro) composte e arricchite con nuove features. Le rom coocked sono solitamente in formato .zip e vanno flashate tramite recovery

 

ROOT

Cosa significa root? Nei sistemi operativi di tipo Unix si indica con root l’utente dotato di massimi privilegi, cioè l’amministratore di sistema, detto anche super utente o superuser. Essendo Android un sistema linux, root è quindi l’utente che permette di avere il totale controllo del telefono. Che privilegi si hanno ad avere permessi di root? Abbiamo il TOTALE controllo del telefono. La procedura per rootare il proprio dispositivo varia da terminale a terminale, consultare le relative sezioni per sapere come fare il root al vostro device.

 

S

Sensore G (giroscopio)

Il sensore G rileva la posizione ed il movimento del proprio dispositivo. Esso aiuta ad orientare il display in modo che la vista sia verticale o orizzontale, in funzione di come si tiene il dispositivo. Il sensore G può essere utilizzato nei giochi per controllare le azioni ed altre applicazioni che richiedono un movimento per poter essere attivate.

 

SDK (software development kit)

Kit di sviluppo del software, dove all’interno troviamo la cartella tools che contiene il file ADB. lo potete scaricare da per tutte le piattaforme (Windows, Linux, Mac OS).

 

S.O. (sistema operativo)

Vedi ROM. Di fatto ROM ed SO tendono a coincidere, ma mentre il primo termine viene usato per indicare il contenuto di una qualsiasi memoria o la memoria stessa (sta infatti per Read Only Memory), il secondo indica invece più specificamente una ben precisa parte di software e non qualsiasi contenuto che una memoria può ospitare.

 

Streaming

Il termine streaming indica la trasmissione di contenuti audio o video digitali utilizzando Internet.

 

Superboot

Metodo per diventare superuser (amministratore-root) del vostro smartphone, grazie alla quale è possibile apportare modifiche al sistema, quali flashare rom, modificare cartelle di sistema ecc…

 

T


Tap (tappare, tappato)

Quivalente del click sinistro su pc, quindi clickare, clickato. TAP PROLUNGATO = equivalente al click destro su pc

Thetering (wifi, bluetooth ed usb)

E' una modalità di connessione tra il telefono è un altro dispositivo (in prevalenza PC), tramite il quale si può fruire della connessione internet del primo, ed in sostanza usarlo come modem, sul secondo(che come ho detto prima può essere un PC o un altro telefono ancora). Può avvenire in prevalenza tramite la connessione usb, bluetooth o wifi del telefono.

 

V

 

VGA

Il VGA (Video Graphics Array) indica una risoluzione del display pari a 640 x 480 pixel.


W


WCDMA

Il WCDMA (Wideband Code Division Multiple Access) è un protocollo per la trasmissione di dati in una rete cellulare 3G.

 

WVGA

Il WVGA (Wide Video Graphics Array) indica una risoluzione del display pari a 480 x 800 pixel.

 

Wipe DALVIK CACHE

Reset della cache di sistema. si effettua tramite recovery.


Wipe DATA (factory reset)

Hard reset (riportare il telefono alle impostazioni di fabbrica, cancella tutti i dati e le applicazioni presenti sul telefono, non sulla memory card). In alcune recovery il wipe del data format factory, non è un hard reset completo, ma un reset di tutti dati contenuti nel telefono, per un hard reset completo si dovrebbe fare anche il wipe del system e boot dalle impostazioni avanzate delle recovery o procedere con la procedura manuale di sequenza di tasti! Per sapere come fare l’hard reset tramite combinazione di tasti consultare le guide presenti nelle rispettive sezioni del vostro smartphone.

 

Z


ZIPALIGN

Forma di compressione che serve per velocizzare l’esecuzione delle applicazioni. zipalign scompatta il file apk comprime e allinea il file a 4byte di limite così android occupa meno ram per leggerlo e lo legge più velocemente e poi ricrea il file .apk

 

Fonte: en.miui.com/forum

Grazie a raimondomartire per la traduzione italiana

Pubblicata:
29 Gennaio 2013
Visite:
5.174

Condividi questa Pagina