Recensione Xiaomi Redmi Note 4 (foto)

Gianmatteo Geremia
By Gianmatteo Geremia ottobre 26, 2016 17:38

Recensione Xiaomi Redmi Note 4 (foto)

Lo Xiaomi Redmi Note 3 è stato, e lo è tutt’ora, uno dei dispositivi della società cinese ad ottenere un successo inimmaginabile, soprattutto all’interno del mercato indiano. Ciò è stato possibile grazie al perfetto rapporto che c’era tra le specifiche hardware e la qualità costruttiva/design, coadiuvato ad un prezzo molto contenuto rispetto ad altri smartphone competitor dotati delle medesime caratteristiche. Tuttavia, come spesso avviene per tutti i dispositivi, l’inevitabile avanzare del tempo porta con sé l’avvento di nuove tecnologie e tendenze da cui si ha la creazione di nuove generazioni di smartphone. Questo è il caso specifico che ha portato Xiaomi alla produzione del nuovo Redmi Note 4 ma riuscirà realmente quest’ultimo a subentrare al suo predecessore? Scopriamolo insieme nella sua review scritta.


Unboxing

Nulla da dire sulla confezione di vendita che non subisce nessuna variazione rispetto a quelle di altri smartphone precedenti. Di conseguenza troviamo il solito packaging di colore bianco con, nella parte frontale, l’immagine dello smartphone in tutte le sue colorazioni, mentre sul retro un adesivo con le specifiche tecniche. All’interno troviamo naturalmente il Redmi Note 4, alcuni brevi manuali all’uso, la spilletta per rimuovere il carrellino delle SIM, il cavo dati USB e il classico caricabatteria da parete con uscita a 5V 2A.

img20161026112827


Display e Panoramica generale

La caratteristica che più mi ha convinto di questo Redmi Note 4 è di sicuro il design. Ripreso totalmente da quello dello Xiaomi Redmi Pro, il design risulta essere ben curato esteticamente vista la bravura per realizzare uno smartphone simmetrico, con l’utilizzo di materiali di ottima qualità particolarmente visibili nella scocca realizzata interamente in metallo (non ci sono le due grosse bande in plastica colorata) ma, soprattutto, una costruzione solida che al tatto da un feeling veramente premium. Unico neo, il carrellino delle SIM che non si adatta perfettamente al foro nella scocca, causando un lieve movimento dello stesso (che sia chiaro, parliamo di frazioni di millimetro), oltre al fatto che vi consiglio di applicare una cover, in quanto lo smartphone risulta essere molto scivoloso.

img20161026113825

Nella parte frontale troviamo un ampio display da 5,5″ pollici con tecnologia LCD IPS e risoluzione full-HD (1920 x 1080 pixel) protetto da un vetro dotato di bordi stondati (2.5D). Quest’ultimo possiede dei buoni angoli di visione associati a dei colori fedeli ma che possono essere tarati tramite le impostazioni del display. La visibilità sotto la luce diretta del sole è nella media e la luminosità minima è perfetta. Tuttavia, vanno fatto alcune critiche al vetro protettivo frontale. In primo luogo, l’oleofobicità del vetro frontale non mi ha convinto molto in quanto trattiene leggermente le impronte. Inoltre, la stondatura ai bordi viene quasi totalmente nascosta dal bordino in plastica che circonda il pannello ma che comunque si sente al tatto, soprattutto quando si effettuano gli swipe laterali dal bordo. Infine, non so se è solo un difetto della mia unità ma ho notato che la retroilluminazione dei tasti soft-touch non è uniforme (sembra quasi che in alcuni punti siano “sporchi”). Da notare, invece, che il LED (RGB) di stato è molto visibile e che la vibrazione dello smartphone è veramente forte, così tanto che vi sarà impossibile non sentirla.

Posteriormente troviamo la fotocamera principale da 13 MP con apertura focale f/2.0, al di sotto il doppio flash LED bitonale e, al posto della seconda fotocamera vista nel Redmi Pro, il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali. Lo speaker di sistema non si trova più sul retro ma è stato spostato nella parte bassa dello smartphone al fianco dell’ingresso micro-USB di tipo B e del microfono principale. Nella parte alta, invece, troviamo il secondo microfono per la soppressione dei rumori di fondo, il sensore ad infrarossi e l’ingresso per il jack audio da 3,5mm. Infine, sul lato destro troviamo i pulsati power e il bilanciere del volume, mentre su quello sinistro il carrellino per le SIM (oppure SIM + micro-SD).


Performance/Benchmark

La versione da noi testata è quella standard con 2 GB di memoria RAM e 16 GB di memoria interna (espandibile) con MIUI Global Stable (8.0.3.0). Il cuore di questo Redmi Note 4 è un MediaTek Helio X20 che anima il tutto senza grossi problemi. Il sistema è fluido e vengono riprodotte tutte le animazioni ma a causa del “limitato” quantitativo di RAM in alcuni casi si presentano impuntamenti e lag, soprattutto quando si hanno altre app in esecuzione in background. Ciò si trasmette anche alla reattività della risposta del touchscreen che alcune volte impiega una frazione di secondo prima di completare l’operazione da noi richiesta, come nell’apertura delle app ma, soprattutto, nella digitazione dei tasti sulla tastiera. Tutto ciò è dovuto ad un sistema ancora acerbo e che trova un leggero miglioramento con le ultime China Developer ma approfondiremo in seguito tale questione. Il gaming è di ottima qualità con dettagli grafici impostati sempre al massimo con qualche piccolo e sporadico lag avvertibile solo in situazioni di elevato carico della CPU/GPU. Da notare che lo smartphone resta sempre su temperature leggermente percepibili avvertibili nella parte alta posteriore sia nell’uso quotidiano (navigazione web, social, ecc.) che nel gaming. Di seguito vi lascio alcuni screenshot dei risultati ottenuti da test di benchmark (AnTuTu e Geekbench).


Software e Fotocamera

Appena tirato fuori dalla confezione, lo Xiaomi Redmi Note 4 montava la MIUI China Stable 8.0.3.0 ufficiale che subito ho rimosso per passare alla Global Stable (tale operazione richiede lo sblocco del bootloader). Tuttavia, anche se questa ROM viene definita “Stable”, durante il periodo di test ho notato la presenza di vari problemi software, alcuni dei quali anche di grave entità, che invece non ho riscontrato con il passaggio alla MIUI China Developer. Questo è dovuto ad un sistema ancora troppo precoce e poco ottimizzato per questo hardware specifico ma, come dimostra la versione Developer, con il trascorrere del tempo e con aggiornamenti settimanali la situazione migliora di release in release. Pertanto il mio consiglio (per quanto vi fosse possibile) è quello di lasciar perdere attualmente la MIUI Stable e di puntare alla MIUI Developer.

Chiusa questa breve parentesi, la MIUI 8 non ha bisogno di presentazioni e per questo sarò molto breve. Come sempre, anche in questo caso sarò necessario modificare i soliti parametri per far si che vi arrivino le notifiche in tempo reale. Di conseguenza, assicuratevi di abilitare l’avvio automatico delle applicazioni che necessitano di inviarvi notifiche nell’app Sicurezza, dopodiché recatevi nelle impostazioni e disabilitate per le stesse applicazioni il MIUIBattery saver. Anche in questo Redmi Note 4 è possibile abilitare il doppio tocco per il risveglio, anche se è abbastanza inutile data la presenza dello sblocco con l’impronta digitale che è abbastanza preciso (9 volte su 10).

Passando al comparto fotografico, devo dire che non sono rimasto particolarmente soddisfatto della qualità degli scatti. Le foto con buona illuminazione ambientale sono nella media, come anche quelle con illuminazione artificiale e all’ombra, anche se è pur sempre presente un po di rumore (soprattutto nelle zone d’ombra) e il quantitativo di dettagli non è dei migliori. La situazione peggiora drasticamente con le foto in notturna e con scarsa illuminazione. Di seguito riporto alcune foto non compresse.

Leggermente migliori, invece, i video che arrivano alla risoluzione massima in full-HD a 30fps e sono anche stabilizzati elettronicamente (bisogna abilitarla nelle impostazioni dell’app) e vi consiglio di modificare anche la messa a fuoco su CAF, in quanto veloce e buona. Il sensore frontale è discreto; buone foto/video con tanta illuminazione per un uso social.


Connettività ed Autonomia

Sono rimasto colpito dalla ricezione di questo Redmi Note 4 in quanto è riuscito ad agganciarsi alla rete dati anche in zone dove normalmente non c’è segnale (parlo di 3G). Manca come di consueto la banda 20 (800 MHz) per questo fate attenzione a ciò prima di acquistarlo, soprattutto per i possessori di una scheda Wind.

Invece, mi ha deluso la durata della batteria che con un uso medio e sotto Wi-Fi sono riuscito a coprire in media un giorno di utilizzo con circa 4 ore di schermo attivo, mentre con uso stressante mi ha lasciato nel pomeriggio. Naturalmente, tali valori sono puramente soggettivi, variando da persona a persona in base all’utilizzo che se ne fa. Inoltre, il Redmi Note 4 non dispone della ricarica rapida, pertanto saranno necessarie 2 ore e mezzo per una carica completa.


Conclusioni

Con questo Xiaomi Redmi Note 4 la società ha totalmente ribaltato la concezione di fascia media, portando un design, dei materiali ed una costruzione da top di gamma anche in questa categoria. Di buona qualità anche il display utilizzato e di sicuro la ricezione del segnale ma, di contro, ci sono molti dettagli che non mi hanno affatto convinto, soprattutto se si considera che attualmente un Redmi Note 3 Pro lo si trova ad un prezzo sensibilmente inferiore. Pertanto, ad eccezione del design, attualmente continuo a preferire il Redmi Note 3 Pro e non penso sia il caso (per chi ne possiede uno) di effettuare il passaggio al nuovo Redmi Note 4. Tuttavia, nel caso in cui voleste ugualmente acquistare tale smartphone, vi consiglio di optare per la variante da 3/64 GB e lasciar perdere la versione da 2/16 GB.


Dove acquistarlo ed Altre promozioni

È possibile acquistare questo Xiaomi Redmi Note 4 su Gearbest.com ad un prezzo di 158 € recandovi presso questo link. Inoltre, nel caso voleste approfittare di qualche altra promozione in corso di validità per alcuni dispositivi selezionati Xiaomi, vi consigliamo di dare uno sguardo anche a questo articolo.

ATTENZIONE!

Questo shop installa le versioni MIUI ROM ufficiali “Global Developer” sui terminali per cui questa versione è disponibile, in modo da poter offrire la lingua del Paese di destinazione già installata. Abbiamo riscontrato però che sui terminali per cui non esiste ancora una MIUI Global Developer ufficiale viene installata una versione adattata al “multilingua”, modificata direttamente dal personale dello shop. Questa ROM può creare problemi (anche seri) in caso di modifiche, aggiornamenti o cambio di ROM da parte degli utenti. Vi consigliamo quindi di domandare allo shop, PRIMA di acquistare, esattamente con quale ROM viene spedito il telefono e farsi specificare se è una ROM ufficiale o modificata da loro. Chiedete inoltre quale sia la policy sulla garanzia in caso di modifica alla ROM. Informatevi prima di acquistare e procedete con consapevolezza 🙂

Se decidete di approfittare di una di queste offerte, lasciate il vostro feedback sulla vostra esperienza di acquisto all’interno della discussione dedicata a questo shop sul nostro forum. Le vostre opinioni, sia positive che negative, saranno di grande aiuto agli altri utenti della community. Inoltre, nello stesso thread potrete fare domande dirette ad un responsabile dello shop in merito al vostro ordine o ad ulteriori informazioni, come ad esempio su costi e tempi di spedizione.

MIUI Italia non è responsabile per ogni problema causato dalle promozioni indicate, per qualsiasi dubbio o domanda contattare direttamente lo shop che promuove l’iniziativa.
Caricamento...
Gianmatteo Geremia
By Gianmatteo Geremia ottobre 26, 2016 17:38
Write a comment

4 Comments

  1. Cris ottobre 26, 20:55

    Io ho un RMn 4 prime che monta i 3g di RAM e mi trovo da favola

    Reply to this comment
  2. Grave ottobre 26, 21:18

    scusate forse sono ignorante io.. ho il note 4 ho seguito la guida di uno shop per installare la rom nikel presa dal vostro sito, ma l’italiano non è previsto, ci state ancora lavorando? nella parte “dove acquistarlo” dite che alcuni shop lo inviano con la lingua del paese di destinazione…

    Reply to this comment
  3. mb5681 febbraio 12, 19:40

    Salve, sono un neofita del campo xiaomi ed ho comprato il Redmi Note 4 ritenendomi abbastanza soddisfatto. L’unico problema è quello di non poter vedere le partite di premium play di mediaset. Root??? Non capisco… SOS aiuto.

    Reply to this comment
  4. Rocco de Simone febbraio 24, 08:01

    roki54
    Buongiorno cortesemente sono in cerca di un aiuto per il mio redmi note 2 che mi è caduto in acqua anche se parzialmente ,solo la parte dove c’è lo spinotto per ricaricare, ma purtroppo all’accensione si blocca sulla videata che il miu cloud si è bloccato in modo anomalo , qualcuno saprebbe dirmi come sbloccarlo. Grazie

    Reply to this comment
View comments

Write a comment

Rispondi